Iscrizione 2015
Incubatotio di Treviso
Incubatoio di Lodi
Clicca "MI PIACE" sulla pagina ufficale di Facebook dello Spinning Club Italia così da rimanere aggiornato sulle attività del club!
 

 

Stampa

561 volte grazie

Scritto da Mario Narducci.

Tale alla fine è risultato il numero di coloro che hanno votato e permesso la vittoria del progetto di no-kill al luccio sul fiume Sieve presentato da Spinning Club Italia al concorso Greenline di Shimano.

Siamo convinti che per certi versi ci si trovi in un momento di svolta per la pesca nazionale in cui o tutti i soggetti interessati alla sua sopravvivenza e miglioramento sapranno -ognuno nel proprio ruolo- operare in maniera costruttiva per incrementare la qualità e quantità del patrimonio ittico e salvaguardare i relativi ecosistemi acquatici oppure il generale degrado rischia di prendere una deriva inarrestabile.

Ringraziamo per questo in primo luogo l'azienda Shimano per la lungimirante scelta operata con tale iniziativa e poi ciascun amico vicino e lontano che ha voluto condividere il progetto di SCI. Il nostro pensiero va anche al pregevole progetto dell'associazione Valsesiana con cui abbiamo dovuto misurarci. Esso nasce dalla medesima visione che anima SCI e ci auguriamo possa essere comunque realizzato. Il nostro compito ora consiste nel cercare di operare in maniera efficace e conseguente alla fiducia accordata per creare un esempio di gestione moderna e migliorativa della pesca. Ancora grazie a tutti.

 

Per il Direttivo nazionale SCI

Il Presidente

Mario Narducci

Stampa

Progetto Luccio sul fiume Sieve

Scritto da Direttivo Nazionale SCI.

Caro amico,

come sai lo Spinning Club Italia è da sempre impegnato anche nella tutela dei pesci e degli ecosistemi acquatici, presupposto indispensabile per poter praticare la pesca con piena soddisfazione. In particolare, per come abbiamo potuto, ci siamo presi cura delle acque pubbliche, talora purtroppo le più neglette per la mancanza di sensibilità da parte degli enti preposti ad amministrarle. Per questo in tante occasioni siamo diventati letteralmente la “voce” di chi voce non ha e cioè della complessa vita che si svolge sotto il pelo dell’acqua e che trova il suo apice nei pesci, in particolare predatori ma non solo.

Abbiamo oggi bisogno del tuo aiuto. Sul fiume Sieve, nel tratto a valle della tail-water della diga del Bilancino, grazie all’attenzione dei soci della nostra sede di Firenze, ci siamo accorti che si andava costituendo un ambiente favorevole all’insediamento di una popolazione di lucci, specie notoriamente in condizioni di difficoltà ma di grande pregio ecologico.

Gli amici fiorentini, collaborando con la locale sezione Fipsas, che gestisce quelle acque, sono riusciti a far istituire una apposita zona no-kill per il luccio che sarebbe buona cosa poter potenziare, così da costituire un ambiente dove tutti possano pescare in maniera ecosostenibile uno dei nostri migliori pesci predatori, imparando a conoscerlo e stimarlo.

Un tratto simile potrebbe inoltre fungere da area di accrescimento e successiva diffusione della specie lungo l’asta fluviale a valle, incrementando il valore e l’efficacia del progetto.

Da ultimo un vivace interesse intorno a una simile esperienza contribuirebbe a farne comprendere il significato di esempio di gestione innovativa della pesca replicabile in altre situazioni.

Per questi motivi abbiamo candidato il Progetto Luccio sulla Sieve al concorso Greenline di Shimano e siamo risultati finalisti insieme a un altro meritevole progetto.

Purtroppo però solo una delle due proposte risulterà vincente in base a una votazione pubblica online.

Ti chiediamo perciò –se lo vorrai- di votare il Progetto Luccio sulla Sieve accedendo al seguente link:

http://www.shimanofishnetwork.it/green-line

Non sappiamo chi alla fine prevarrà ma se avremo in qualche modo contribuito a far crescere l’attenzione intorno a modi ecosostenibili e moderni di gestire la pesca avremo comunque conseguito un risultato positivo.

Continua a seguire e possibilmente a sostenere le nostre iniziative, un caro saluto

Il Consiglio Direttivo Spinning Club Italia:

Mario Narducci, Alessandro Toti Buratti, Lorenzo Mauri, Enzo De Carlo, Filippo Fuligni, Simone Carsetti, Ettore Ghezzi, Luca Passarella, Lorenzo Lombardi, Fabio Brusa, Fabrizio Dallera, Paolo Zambelli

Stampa

Convegno Milano 26 Novembre 2016

Scritto da Simone Carsetti.

Nella giornata di sabato 26 novembre u.s. presso la sala Colucci di corso Venezia 47 a Milano si è tenuto il Convegno “Tutela delle specie ittiche autoctone e recupero ambientale. Esperienze a confronto” organizzato da Spinning Club Italia a.s.d. e a cui hanno partecipato esponenti di Fipsas, UNPeM, Fly Angling Club, Comitato Centro Adda, riserva Somin, Spinning Brugherio, Ticini Linea, Novara Anglers Club, Anonima Cucchiaino.

Le relazioni hanno proposto i significativi e positivi esiti di attività di recupero di specie pregiate autoctone a rischio di estinzione dimostrando la concreta possibilità di azioni volte alla conservazione e alla tutela della biodiversità a cui ciascuna specie concorre.

Gian Domenico Bocchi

Foto

Promozioni per i soci

Federico Ielli

Chiedilo all'esperto